31
Dic

Selfie Art guida la realtà digitale ??‍?

Selfie Art Drives Digital Reality del 2018 ???

Sai cos’è l’arte del selfie? Come definisci la realtà?

I selfie sono un riflesso “reale” di chi siamo o sono una versione stravagante e inventata del sé digitale?

L’arte di il selfie ? art cosa guida il nostro senso del desiderio e quindi modelliamo i selfie per riflettere una persona digitale che riproduce qualcosa che riteniamo essere più profondo dell’ordinario?

Dopo anni di studio della psicologia, delle tendenze storiche e dei driver tecnologici dei selfie, abbiamo ancora molte domande sui selfie e su come stanno costituendo una parte fondamentale della nostra gerarchia di bisogni umani.

Molte, molte domande … E abbiamo delle risposte!

Selfie Art Digital Reality SelfieYo 2018

Il tentativo poroso e freddo dell’autrice di selfie art mentre contempla l’intersezione della realtà fisica e digitale per il 2018 e oltre. Niente di digitale sulla paura di cadere 20 metri analogici.

Uno dei nostri primi post SelfieYo, La gerarchia dei bisogni e dei selfie di Maslow , può fungere da quadro psicologico per come analizziamo e cerchiamo di capire il comportamento dei selfie di oggi e cosa succede Il prossimo.

Diverse cose sono chiare nel regno digitale dell’arte dei selfie:

In primo luogo, sia che tu affermi di amare o di odiare i selfie, è difficile negare il naturale apprezzamento di vedere le tue rappresentazioni senza difetti. La consapevolezza di sé è uno degli elementi dell’umanità che ci separa dalle altre creature su questo pianeta – e forse altrove.

La riflessività, la gentilezza e il perdono non sono tratti esclusivi degli umani. In effetti, molti umani sono a malapena capaci di tali atti, eppure possiedono ancora un acuto senso di autocoscienza.

Conosciamo tutti alcuni cani e gatti più capaci di gentilezza e perdono di alcuni umani. Tuttavia, i cani e i gatti non possono fare arte e non sono, di conseguenza, studi scientifici generalmente accettati, autocoscienti. Per quanto possa sembrare sconvolgente, se mostri al cane una foto del tuo cane e molti altri cani, non può discernere la differenza tra lui e i suoi amici cani. Non ha niente a che fare con la vista, purtroppo.

Negare la curiosità umana e il desiderio di riconoscere i riflessi di sé è negare che ci siano comportamenti speciali e unici che solo gli umani hanno mostrato nel corso della storia come lo conosciamo oggi.

Stiamo lasciando un po ‘di spazio per possibilità future qui … ?

In secondo luogo, poiché il comportamento dei selfie scala fino all’ubiquità globale, sempre più sottogeneri o specialità selfie emergono come di moda in un dato anno. Ma, come tutte le forme d’arte, esiste ancora una fondamentale verità di base: l’artista crea arte che riflette la sua interpretazione dell’universo nel modo in cui la vede.

A volte il selfie art è un micro scatto in un momento nel tempo; a volte l’arte del selfie è un commento macro sulla società in generale. Dipende davvero.

In terzo luogo, mentre abbondano le domande, siamo certi che la quantità totale di tempo speso per e nel regno digitale della realtà sta consumando la quantità di tempo trascorso nella realtà di base.

L’arte del selfie è la manifestazione fisica del tempo che trascorriamo al di fuori della realtà di base e dentro le nostre menti, i nostri telefoni, i nostri computer, la nostra realtà virtuale, le nostre versioni tecnologicamente avanzate della vita come la conosciamo .. .

La realtà di base è il tempo che biologicamente richiede agli esseri umani di mangiare, dormire e svolgere funzioni corporee che ci mantengono in vita. Tuttavia, è la realtà digitale che plasma sempre più la nostra convinzione su chi siamo, chi vogliamo essere e come vogliamo essere percepiti.

Il digitale – l’arte del selfie – è ciò che ci fa sentire VIVI rispetto a essere in realtà vivi. Anche se, chi conosce davvero la differenza …

?♀️

Se sei confuso, non sei solo. Meglio fare un selfie.

Religione e governi hanno governato il mondo al di fuori della realtà di base per migliaia di anni. Ora, il selfie, l’arte digitale che creiamo, potrebbe prendere posto a capo del tavolo dell’esistenza umana decentralizzata?

La realtà di base potrebbe non essere così sexy. Il banale potrebbe non creare un selfie così grande, anche se ci sono molti artisti digitali che catturano la brillantezza dei momenti quotidiani in selfie e arte non selfie.

Selfie da toilette, chiunque? ? Potrebbe essere in realtà la fusione della realtà di base con l’arte del selfie. Cose interessanti, che ci si aprono nel XXI secolo.

Il 2018 sarà un anno cruciale in cui la realtà digitale, in particolare, il tempo trascorso in momenti di selfie art, editing e condivisione supererà la realtà di base in modo vertiginoso. Questo è il nostro futuro. Sappiamo tutti che sta arrivando.

E, come connessione naturale, l’integrazione di selfie art e di altre tecnologie emergenti accelera e fiorisce mentre rompe i clingers storici che non riescono ad adattarsi abbastanza velocemente. Non c’è nessun posto dove fuggire. Anche se sfuggire non è necessario, comunque.

Più specificamente, stiamo suggerendo che ci sono correlazioni di età tra coloro che fondamentalmente abbracciano l’arte del selfie e quelli che non lo fanno.

?

Questa non è una verità esclusiva, né l’età è l’unico indicatore dell’adattamento alla realtà dell’arte digitale, ma sembra che Gen-Z e Millennials lo comprendano in misura più ampia rispetto a quelli che hanno speso una parte maggiore della loro vita, fino ad oggi , al di fuori della saturazione digitale. Basta osservare attentamente e coerentemente per vedere questo. ??♂️

La verità di Darwin rimane. Quindi fai i selfie.

Selfie blockchain, qualcosa a cui SelfieYo sta lavorando per diventare una parte, sarà l’argomento del nostro prossimo post.

SelfieYo vorrebbe accreditare Mikko Alasaarela per il conio della frase “realtà di base” che ha aiutato a ispirare questo post.